Stilista cuce mascherine e le dona: “Produco mascherine, aiuto la mia terra”

La  moda è la sua passione, i costumi da bagno in particolare ma Grazia Di Miceli in arte “Grace”, affermata stilista milanese di origini siciliane, ha deciso di cucire mascherine in tessuto e donarle agli ospedali della sua Palermo e a chi ne ha bisogno. La stilista ha voluto mettere a servizio della comunità la sua esperienza e la sua professionalità ma anche una gran dose di generosità perché le sue mascherine in cotone non saranno in vendita ma donate ai medici e agli infermieri dell’ospedale Buccheri La Ferla e di altre strutture sanitarie e ai volontari della associazioni che si occupano dei più bisognosi. Grazia vive in Lombardia e ha visto con i suoi occhi l’orrore del Coronavirus. La sua famiglia e il suo cuore sono in Sicilia e, anche se a distanza, vuole essere vicina a loro e dare il suo contributo. “E’ difficile di questi tempi riuscire a trovare le mascherine necessarie per fronteggiare questa emergenza – spiega Grace – e quelle in commercio hanno raggiunto costi elevatissimi. Ho pensato così di mettermi al lavoro e dare una mano anch’io. Produco mascherine e aiuto la mia terra. Non voglio compensi, la solidarietà fa bene a tutti, a chi la riceve e a chi la fa”. Le sue mascherine sono riconoscibili: nere, eleganti, lavabili e hanno cucito sopra un pavone colorato, il logo che contraddistingue il suo brand made in Italy. Il pavone simboleggia la vanità, illusso, la longevità, l’amore ma anche la primavera e la rinascita. Le sue creazioni esclusive di costumi da bagno efuori acqua, realizzate a mano, fanno il giro del mondo ma in questo periodo nei suoi laboratori si realizzano mascherine. I pacchi contenenti le mascherine saranno spediti direttamente alle strutture e alle sedi delle associazioni o tramite la protezione civile. “Le doniamo – conclude la stilista – perché siamo convinti che un atto di generosità sia capace di scatenare ciò di cui tutti abbiamo bisogno in questo momento, azioni di solidarietà”.

Condividi

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*