Oscar 2020: quattro premi per “Parasite” di BongJoon-ho, incluso quello del miglior filmOscar 2020: quattro premi per “Parasite” di BongJoon-ho, incluso quello del miglior film

(di Roberto Greco)

BongJoon-ho, il regista di Parasite, è il grande vincitore degli Oscar tenutosi il 9 febbraio al Dolby Theatre di Los Angeles.

Il 92 ° Academy Awards passerà alla storia. Ha visto il trionfo, domenica 9 febbraio, di “Parasite” di BongJoon-ho, il primo film sudcoreano premiato a Los Angeles dall’Accademia delle arti e delle scienze cinematografiche. Questo thriller ha vinto quattro Oscar: quello per il miglior film, regista, film internazionale (dove ha affrontato “LesMisérables” del francese LadjLy), così come quello per la migliore sceneggiatura originale.

“Parasite”, una crudele satira sull’abisso tra le classi sociali, era già stata premiata con la Palma d’oro al 72° Festival di Cannes, poi con il Golden Globe come miglior film in lingua straniera. “Grazie, ho intenzione di bere fino al mattino“, ha detto BongJoon-ho quando ha accettato il premio come miglior regista.

Gli esperti dicono che questo è stao un duro colpo per “1917”, il film di Sam Mendes, favorito della competizione. L’audace film di guerra britannico, tuttavia, ha vinto tre premi tecnici: missaggio sonoro, effetti speciali e cinematografia.

Meno sorprendentemente, i premi assegnati agli attori sono una vera copia di quelli assegnati durante i Golden Globe. Joaquin Phoenix è stato quindi incoronato per il ruolo principale nel controverso film “Joker”, di Todd Phillips. Questo è il primo Oscar per il quarantacinquenne che è già stato nominato tre volte in precedenza, di cui due per un ruolo da protagonista.

È stata anche la consacrazione per Renée Zellweger, nominata migliore attrice per la sua incarnazione della leggenda di Hollywood Judy Garland, nel film “Judy” di Rupert Goold. L’attrice texana aveva già ricevuto l’Oscar come miglior attrice non protagonista per “Return to Cold Mountain” nel 2004.

Brad Pitt e Laura Dern sono stati invece incoronati migliori ruoli secondari. Con il suo ruolo in “Once Upon a Time … in Hollywood”, di Quentin Tarantino, Brad Pitt ha vinto contro i veterani Al Pacino e Joe Pesci (The Irishman), Anthony Hopkins e Tom Hanks. Il film di Quentin Tarantino ha anche vinto il premio per la miglior scenografia.

Laura Dern è stata premiata per il suo ruolo di spietata avvocato in “Marriage Story”, dal regista NoahBaumbach. Nonstante abbia già vinto cinque Golden Globe, questo è il primo Oscar per l’attrice che celebrerà il suo 53° compleanno lunedì proddimo e che è stata nominata per la prima volta nel 1992 per “Rambling Rose”.

Diretto da Julia Reichert e Steven Bognar, “American Factory”, di cui Barack e Michelle Obama hanno acquistato i diritti tramite la loro casa di produzione, ha ricevuto il premio per il miglior documentario. Racconta l’acquisizione, da parte di un miliardario cinese, di un impianto automobilistico in Ohio nel 2014 e le relative modificazioni sociali.

Il film di Studio Pixar (Disney) “Toy Story 4”, diretto da JoshCooley, ha ricevuto l’Oscar come miglior film d’animazione. Si tratta della decima statuetta ottenuta da Studio Pixar in questa categoria che è stata creata nel 2002.

“The NeighborsWindow”, di Marshall Curry, ha vinto il premio per il miglior cortometraggio, mentre “HairLove”, di Matthew A. Cherry e Bruce W. Smith, lo ha ricevuto per il cortometraggio animato e “Imparare a pattinare in unaWarzone”, di Carol Dysinger, quella del documentario breve.

La colonna sonora di “Joker” vince l’Oscar per la migliore musica originale, mentre “(I Gonna) Love Me Again”, nel film “Rocketman”, è incoronata come la migliore canzone. Per la sceneggiatura, è stato premiato “JojoRabbit”, di TaikaWaititi.

Nelle categorie più tecniche, “Le figlie del dottor March”, di Greta Gerwig, ha vinto il premio per i migliori costumi; “Le Mans 66”, di James Mangold, quello per l’editing e l’editing del suono; “Scandal (Bombshell)”, di JayRoach, quello per il trucco e l’acconciatura.

La selezione degli Oscar è stata nuovamente criticata per aver trascurato la diversità culturale ed etnica, una critica ricorrente. Ad eccezione della britannica CynthiaErivo, tutti gli attori e le attrici in competizione quest’anno sono bianchi e nessuna regista donna è stata selezionata.

L’Accademia degli Oscar, tuttavia, ha sottolineato il fatto che le donne non sono mai state così presenti nelle nomination: erano 65 su 209 candidati in totale. Forse per far dimenticare la controversia, la serata degli Oscar, prodotta da due donne, ha scelto un gran numero di star internazionali di varie origini per presentare i premi, tra cui la spagnola Penelope Cruz, la messicana Salma Hayek e l’israelianaGalGadot.

Ecco tutti i premi degli Oscar 2020:

Miglior film – Parasite

Migliore regista – Bong Joon-ho (Parasite)

Migliore attore protagonista – Joaquin Phoenix (Joker)

Migliore attrice protagonista – Renee Zellweger (Judy)

Migliore attore non protagonista – Brad Pitt (C’era una volta a Hollywood)

Migliore attrice non protagonista – Laura Dern (Storia di un matrimonio)

Miglior film internazionale – Parasite

Migliore film d’animazione – Toy Story 4

Migliore corto animato – HairLove

Miglior colonna sonora – Joker

Migliore canzone originale – “I’m gonna love me again” di Elton John

Migliore sceneggiatura originale – “Parasite”

Migliore sceneggiatura non originale – “JojoRabbit”

Migliore cortometraggio – “The Neighbors’ Window”

Migliore cortometraggio documentario – “Learning to skateboard in a war zone”

Migliore scenografia – “C’era una volta a Hollywood”

Migliori costumi – “Piccole donne”,

Migliore documentario – “American Factory”

Migliore montaggio sonoro – “Le Mans ’66 – La grande sfida!”,

Migliore mixing sonoro – 1917

Migliore fotografia – 1917

Migliore montaggio – “Le Mans ’66 – La grande sfida!”,

Migliori effetti speciali – 1917

Miglior trucco – “Bombshell – La voce dello scandalo”

Condividi

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*