Attività fisica, consigliata anche in gravidanza

Si può praticare sport in gravidanza. La gravidanza infatti si ricorda che non è una malattia o uno stato patologico, ma una normale fase fisiologica per una donna, quindi se si è sempre praticato sport, si può tranquillamente continuare a svolgere attività fisica anche durante i nove mesi di gestazione. Ci sono però ovviamente delle eccezioni:

  • situazioni precedenti di parto prematuro,
  • stati di sofferenza fetale,
  • tutte le condizioni che impongono il riposo a letto,
  • gli ultimi tre mesi, in cui, può essere consigliato, svolgere i consueti esercizi respiratori.

Per le donne che invece hanno sempre avuto uno stile di vita sedentario non è consigliabile, durante la gravidanza, iniziare da zero qualsiasi attività sportiva.

Ci sono degli accorgimenti da prendere per qualsiasi attività si intenda praticare:

  • non superare mai il 60-65% della frequenza cardiaca massima,

  • lo sforzo deve essere tale da non indurre mai ad uno stato di sfinimento o di “fiatone”,

  • evitare esercizi prolungati in ambiente caldo e umido,

  • svolgere l’attività lentamente, intervallandola sempre con momenti di riposo,

  • non raggiungere mai un’intensità che possa provocare un aumento della temperatura corporea o che non permetta un recupero completo entro quindici minuti dal termine dell’attività,

  • sottoporsi ad un prolungato riscaldamento e ad un defaticamento progressivo.

Sono vietati tutti gli sport anaerobici durante i nove mesi di gravidanza: sport violenti, attività agonistica in generale, tuffi e immersioni, tutti gli sport che possono arrecare traumi, gli sforzi ad alta quota e tutte le attività che comportano un prolungato carico sulla punta dei piedi, come ad esempio la danza.

Ecco tutti i benefici nello svolgere un’attività fisica durante la gravidanza:

  • Diminuiscono i dolori alla schiena.
  • Le gambe sono più leggere e toniche.
  • Si mantiene sotto controllo il peso di mamma e bebè.
  • Maggior benessere per entrambi (grazie al rilascio di endorfine)
  • Un parto più agevole (una muscolatura tonica e sotto controllo facilità la gestione del parto)
  • Una più facile ripresa dopo il parto (è dimostrato che lo sport previene la depressione, anche post partum).

Tranne che per le gravidanze a rischio, fare attività fisica nei nove mesi è raccomandato: favorisce la circolazione, tiene il peso sotto controllo e rende il parto più facile. Prima di iniziare, però, meglio avere il via libera del ginecologo che ha il quadro completo della salute della futura mamma.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*